Cimice asiatica: il Centro di Sperimentazione Laimburg invita a segnalarne la presenza

Cimice asiatica: il Centro di Sperimentazione Laimburg invita a segnalarne la presenza

Mer, 16/05/2018 - 09:51
Posted in:

È una specie invasiva presente dal 2016 in Alto Adige che danneggia numerose colture frutticole e orticole.

ALTO ADIGE La cimice asiatica è una specie invasiva proveniente dall’Asia, che si alimenta pungendo foglie e frutti di oltre 200 piante. Tra le specie interessate troviamo anche importanti colture frutticole quali per esempio ciliegio, melo e piccoli frutti, ma anche colture quali mais e soia. A causa del suo comportamento, la cimice asiatica oltre a essere dannosa in agricoltura, può anche diventare un fastidioso ospite nelle abitazioni. Per sopravvivere ai mesi invernali gli insetti di solito si rifugiano nelle case aggregandosi. Sebbene gli animali siano innocui per gli esseri umani, possono emettere un odore sgradevole se vengono disturbati.

Dal 2016 la cimice viene monitorata anche in Alto Adige. Insieme al Servizio Fitosanitario della Provincia di Bolzano, il Centro di consulenza per la frutti-e viticoltura e per l’Agricoltura montana BRING, il Centro di Sperimentazione Laimburg monitora la diffusione dell’organismo all’interno di un programma di monitoraggio congiunto. A questo scopo vengono usate soprattutto trappole a feromoni, che servono per attirare il parassita. Nel 2017, sono stati catturati solo pochi esemplari, in 16 delle 41 trappole totali; un maggior numero di esemplari catturati è stato registrato in due siti nei pressi di Lana e uno in Bassa Atesina.

Nei prossimi mesi si dovrebbe prestare attenzione alla presenza della cimice, specialmente nelle siepi, nei giardini e negli orti. Per riconoscere l'effettiva diffusione del parassita sul territorio il Centro di Sperimentazione Laimburg (institut.pflanzengesundheit@laimburg.it) chiede di segnalare avvistamenti di questi parassiti.

 

 

Credits
Versuchszentrum Laimburg/Centro di Sperimentazione Laimburg