Addio BLS, benvenuta “NOI Spa”

Addio BLS, benvenuta “NOI Spa”

Gio, 18/10/2018 - 16:01
Posted in:

La riorganizzazione strutturale di IDM e del NOI Techpark punta a semplificare le diverse competenze e processi decisionali. A IDM il marketing turistico e il business development, NOI Spa si occuperà invece di consulenza strategica per l’innovazione e la ricerca a partire dal 1° gennaio 2019.

Redistribuire le competenze e semplificare l’organigramma: questi gli obiettivi della nuova suddivisione dei compiti tra IDM, NOI e l’ex BLS. Come risultato dell’accordo quadro tra la Camera di Commercio e la Giunta provinciale, la nuova in-house “NOI Spa” sarà operativa da gennaio del prossimo anno.

Si tratta di un passo indietro rispetto alla creazione di IDM Alto Adige, inizialmente pensato come mega-polo di aggregazione economica, fortemente voluto dai principali attori finanziari della regione. “Abbiamo capito che le cose non funzionavano come dovevano”, ha spiegato Kompatscher alla conferenza stampa dell’11 settembre scorso. In seguito alla riorganizzazione del maxi facilitatore economico, ci si auspica un superamento delle sue numerose difficoltà operative.

BLS, scorporata delle sue funzioni principali già nel 2016 — anno in cui IDM ha inglobato, oltre a BLS, anche SMG (Alto Adige Marketing), TIS innovation park ed EOS (organizzazione export Alto Adige) — prenderà la forma di società per azioni in-house della Provincia sotto il nome di NOI Spa. Conservate le responsabilità sull’assetto del parco tecnologico, essa offrirà consulenza specifica su innovazione e sviluppo a imprese e startup, stimolando le attività di ricerca e i partenariati pubblico-privati. Essa disporrà chiaramente dei servizi di facility (laboratori, maker space e incubatore) e di innovazione (consulenze specializzate ed Ecosystems) già presenti all’interno del NOI Techpark.

A IDM resterà invece l’intero settore del destination marketing dell’Alto Adige, offrendo inoltre servizi per lo sviluppo delle imprese e consulenze per export, settore agricolo e turismo. Rimarrà intatto il reparto di finanziamento cinematografico.

Credits
IDM/Ivo Corrà