CTCU: crescono le tariffe comunali

CTCU: crescono le tariffe comunali

Mer, 08/11/2017 - 11:39
Posted in:

Il Centro Tutela Consumatori Utenti ha confrontato le tariffe comunali del 2017 con quelle del 2010

ALTO ADIGE Il Centro Tutela Consumatori Utenti (CTCU) ha confrontato le tariffe comunali del 2017 con quelle del 2010. I dati analizzati sono quelli dell'Osservatorio prezzi e tariffe dell'Istituto provinciale di statistica ASTAT. Nell'ambito dell'indagine sono stati considerati l'addizionale comunale IRPEF, l'acqua potabile, fognature e depurazione, smaltimento rifiuti urbani nonché l'asilo nido.

Secondo il CTCU in media le tariffe sono aumentate di 53,57 euro, che corrisponde a una percentuale dell'11,7 %. Mentre il costo medio nel 2010 era ancora di 459,33 euro, ora è pari a 512,90 euro. L'inflazione è aumentata del 11,3 % nel periodo tra gennaio 2011 a settembre 2017. L'aumento medio quindi rimane nell'ambito dell'inflazione.

I comuni più cari sono Ponte Gardena (807,80 €) Salorno (785,31 €), Bressanone (739,10 €) Vadena (725,47 €) e Termeno (716,17 €). Per contro quelli meno cari sono il comune di Senale San Felice (312,20 €), Stelvio (319,64 €), San Martino in Passiria (344,49 €) Tesimo (348,42 €) e Scena (349,48 €). Il maggior aumento di prezzo del periodo invece, é stato rilevato a Senales (100.31%), Ponte Gardena (64,52 %), Stelvio (63,25 %), Prags (59,95 %) e Gais (58,68 %).

La maggiore diminuzione dei costi rispetto al 2010 é quella realizzata nel Comune di Tesimo (-29,72 %), seguito da Montagna (-23,56 %), Bolzano (-21,11 %), San Martino in Passiria (-17,52 %) e Villandro (-14,58 %). La differenza di costo tra il comune più costoso, quello di Ponte Gardena (807,80 €) e quello meno costoso, ovvero Senale San Felice (312,20 €) è pari a 495,60 € all'anno, con una differenza del 159%.

Credits
Pixabay