Akrat, integrazione attraverso l‘artigianato

Akrat, integrazione attraverso l‘artigianato

Mar, 14/11/2017 - 10:07
Posted in:

La cooperativa sociale ha avviato di recente una campagna di Crowdfunding per favorire la vendita dei mobili.

ALTO ADIGE La cooperativa sociale Akrat di Bolzano si occupa della produzione di mobili e prodotti tessili. La maggior parte dei collaboratori sono persone che si trovano in situazioni difficili. Con il progetto “Akrat Officine” la cooperativa intende lanciare sul mercato una nuova linea di mobili.

Il progetto è stato avviato l’estate scorsa con la collaborazione del professore di design Nitzan Cohen, di lavoratori qualificati nel settore e dei collaboratori di Akrat. Lo scopo principale è quello di preparare i collaboratori in vista di un loro reintegro nel mondo del lavoro. I mobili della nuova linea vengono realizzati utilizzando la tecnica dell’intarsio: le figure geometriche ed i motti colorati rendono ogni mobile un prodotto unico e particolare. “Funzionale. Pratico. Bello.” Akrat descrive così la nuova linea, che incorpora anche prodotti tessili.

La cooperativa ha lanciato da poco una campagna di Crowdfunding sulla piattaforma www.crowdfunding-altoadige.it per poter finanziare la nuova linea di prodotti ed aiutare i propri collaboratori nella loro integrazione nel mondo del lavoro. «Solidarietà, sostenibilità, creatività e design. Viviamo con questi valori ed invitiamo tutti coloro i quali li condividono a sostenere la nostra campagna di Crowdfunding», afferma il fondatore di Akrat Peter Prossliner. Tutti gli interessati sono inoltre invitati a visitare personalmente Akrat ed a dare un’occhiata ai mobili ed ai prodotti tessili. La campagna terminerà il 7 dicembre.

Credits
lvh.apa/Akrat