Ponti in Alto Adige: 7 milioni all’anno per la loro sicurezza

Ponti in Alto Adige: 7 milioni all’anno per la loro sicurezza

Gio, 13/09/2018 - 15:28
Posted in:

Dopo Genova, la Provincia richiede un resoconto sullo stato dell’arte dei 1662 ponti presenti in regione. Negli ultimi 20 anni oltre 110 milioni di investimenti per manutenzioni e controlli strutturali.

In seguito al tragico crollo del ponte Morandi a Genova avvenuto lo scorso 14 agosto, la Giunta provinciale ha esposto un report dettagliato delle verifiche effettuate sui 1662 ponti presenti in Alto Adige.

I controlli vengono eseguiti da personale specializzato, con check-up che rilevano il carico massimo, la resistenza, l’elasticità e le condizioni strutturali. Oltre alla sorveglianza permanente dei viadotti da parte dei capo-cantonieri,  vengono effettuate anche ispezioni approfondite, con una frequenza maggiore laddove la lunghezza del ponte è più elevata — nello specifico ogni 2, 3, 6 e 10 anni. In media vengono sottoposti a verifica circa 40 ponti all’anno.

Dal 1998, anno in cui le strade statali dell’ANAS sono passate alla competenza provinciale, 70 ponti sono stati risanati e altri 79 completamente ricostruiti, per un totale di 149 progetti e una spesa complessiva di circa 110 milioni di euro. A questi si aggiungono altri 1,5 milioni all’anno di piccoli interventi su circa 20-25 ponti. Il fabbisogno finanziario annuale che garantisce la sicurezza dei viadotti si aggira mediamente intorno ai 7 milioni.

Nel 2009 è stato aperto il Servizio ponti, che ha assunto il compito di dirigere le ispezioni e i lavori su tutti i manufatti presenti sul territorio. A partire dal 2011, inoltre, la Provincia di Bolzano si è portata al passo con le normative degli altri stati europei in materia di sicurezza e vigilanza sui ponti.

Credits
USP