Nuovi incentivi per la Green Mobility

Nuovi incentivi per la Green Mobility

Lun, 12/11/2018 - 17:12
Posted in:

40 addetti della provincia hanno concluso con successo il corso di formazione sulla mobilità 2018 ed è stato approvato lo stanziamento di 11.6 milioni per l’acquisto di 42 nuovi autobus (ibridi e a diesel categoria euro 6) a migliorare il sistema di trasporti pubblici della Provincia.

di Federico Pontarollo

Sicurezza e qualità della vita sono state le parole chiave durante il corso sulla mobilità 2018, organizzato da Green Mobility, a cui hanno partecipato 40 addetti appartenenti al mondo della politica, dell’amministrazione e della pianificazione delle infrastrutture. Nel 2016 la Giunta Provinciale ha approvato un pacchetto di 24 misure sulla Green Mobility con l’obiettivo di incentivare la mobilità sostenibile sul territorio, migliorare il sistema di trasporto pubblico e sensibilizzare i cittadini verso modalità alternative di trasporto per “assecondarne i bisogni di mobilità”, e offrire allo stesso tempo un servizio di qualità e rispettoso dell’ambiente.

I corsi di formazione, una delle misure approvate per conseguire gli obbiettivi preposti nel 2016, sono uno strumento fondamentale per aggiornare gli addetti del settore, e renderli consapevoli dei nuovi obiettivi e delle nuove sfide che si profilano ogni giorno. La parola chiave durante i sei mesi di corso è stata Mobility Management. La sfida principale di questa disciplina è una gestione coerente ed efficace della mobilità tramite anche l’incentivo all’utilizzo di mezzi di trasporto alternativi quali mobilità pedonale, bicicletta e mezzi di trasporto pubblico.

A seguito della seduta del 24 ottobre della Giunta Provinciale, SASA beneficerà dello stanziamento di 11.6 milioni per l’acquisto di 42 nuovi autobus ibridi o di categoria Euro 6, che verranno impiegati nelle città di Bolzano, Merano, Laives e Lana. Con i nuovi mezzi si potrà garantire un servizio più efficiente e in linea con i nuovi obiettivi.

I fondi stanziati dalla Giunta provinciale verranno utilizzati per l’acquisto di 34 autobus ibridi e 8 autobus a diesel di categoria Euro 6. La decisione riguardo gli autobus a diesel è stata determinata dall’indisponibilità di mezzi ibridi di lunghezza inferiore ai dieci metri.

Si è optato invece per la tecnologia ibrida rispetto a quella ad idrogeno per i maggiori vantaggi offerti. Il motore elettrico sostiene quello a combustione nelle fasi di accensione e recupera energia nelle fasi di frenata permettendo un risparmio di combustibile e una minore immissione di sostanze nocive, a vantaggio della qualità dell’aria. Gli autobus con tecnologia a idrogeno hanno alti costi di gestione (e mantenimento), hanno una capienza minore e necessitano inoltre, di dieci giorni di fermo per questioni di manutenzione.

Credits
USP